giovedì 8 settembre 2016

Nella semifinale Est record di "auto-scoperture"

Capita che, durante una partita della Legends Football League, una giocatrice si sistemi meglio gli slip della divisa da gioco. E capita pure che nel farlo la giocatrice scopra un poco il suo lato b.
Nella semifinale dell'est di quest'anno c'è stato il record di questi simpatici momenti: ben cinque giocatrici ne sono state protagoniste e una di loro ha realizzato una doppietta per un numero totale (almeno per quanto abbiamo scovato) di "auto-scoperture", dunque, di sei!

La prima in ordine cronologico, che è anche la più spettacolare, è merito di Jessie Locklear, runningback di Atlanta. La potete ammirare nella foto di apertura.

Nel terzo quarto, un drive in attacco di Chicago si distingue per l'efficacia dal punto di vista sportivo, ma anche per queste simpatiche auto-scoperture. Comincia la quarterback Jacinda Barclay, anche se l'effetto è un po' diminuito per il fatto che la giocatrice, sotto gli slip della divisa, indossa la sua biancheria. Quindi è la volta della sua compagna di squadra Ava Mae Gamble che si scopre un poco e poi Jacinda raddoppia, sia pur con il già detto limite. Dal punto di vista sportivo il drive si conclude in meta con un'azione che ha per protagoniste proprio le due ragazze che si erano scoperte: è Jacinda a passare il pallone da touchdown a Ava Mae. Le scoperture portano giustamente fortuna!




Prima della fine del terzo quarto, si aggiunge alla lista l'italo-americana Theresa Petruziello. Quando sistema gli slip della divisa appaiono sotto degli slip neri. La bella Theresa, però, dà poi una sistemata anche a quelli sotto e pare di intravedere qualcosa di più.



Verso la fine della partita anche Chabria Survillion riesce ad entrare nel numero delle protagoniste di questa simpatica serie.


Per concludere, aggiungiamo un'immagine di Adrian Purnell: non è la tipologia classica di wardrobe malfunction ma certamente merita una menzione.


Complimenti a tutte! Bravissime atlete e ragazze veramente sexy!

Nessun commento:

Posta un commento