martedì 10 maggio 2016

LFL 2016, gara 3: Seattle vince la sfida della Costa Ovest

La terza partita dell'anno della LFL propone una delle più classiche sfide della lega: le Seattle Mist contro le Los Angeles Temptation. Dopo l'abbandono di Ashley Salerno, una delle più forti quarterback mai viste nella LFL, e il passaggio alle Dallas Desire di Michelle Angel, che aveva sostituito con buoni risultati Ashley durante il suo infortunio, quest'anno Los Angeles schiera come quarterback l'australiana Jayne Caldwell che negli anni passati ha giocato per le Queensland Brigade (nel campionato australiano della LFL) e, come runningback, nelle Atlanta Steam.

Le giocatrici di Seattle sfruttano già il primo drive per portarsi in vantaggio. Il primo touchdown nasce da un passaggio di 6 yards di K. K. Matheny per Bryn Renda. Con l'extra point della stessa Matheny si va sul 7-0. L'inizio di Caldwell con le Temptation non è dei migliori: il suo primo passaggio viene intercettato da Danika Brace.

Si entra nel secondo quarto. Seattle perde palla per down e Caldwell si riscatta spedendo il pallone preciso nella mani di Sherri Awagah che riceve sulle 15 yards e va in meta (la giocata è in totale di 27 yards): 7-6. Matheny lancia verso Saige Steinmetz che tocca la palla senza trattenerla; il pallone viene afferrato da Jessica Hopkins che segna la meta (5 yards): 13-6. Los Angeles perde la palla per down e Seattle ne approfitta per segnare ancora con un passaggio da 12 yards di Matheny per Renda (nell'immagine di apertura), seguito dall'extra point di Stevi Schnoor. Siamo sul 20-6 con il quale si conclude la prima metà di gioco.

Alla ripresa, Los Angeles presenta in posizione di quarterback Kiara Patterson che completa tre passaggi su tre, ma non riesce a portare in meta la squadra: le Temptation arrivano fino a 2 yards dalla endzone, ma poi perdono yards e un pasticcio sullo snap fa finire la palla indietro fino a 8 yards dalla opposta linea di meta. La posizione estremamente favorevole non viene però sfruttata da Seattle. Le Mist rischiano l'intercetto (Monique Gaxiola arriva sul pallone lanciato da Matheny ma non riesce a trattenerlo) e poi perdono la palla per down. Con Caldwell tornata al posto di quarterback, le californiane avanzano fino alla meta che giunge all'inizio dell'ultimo quarto con una corsa di 4 yards della bellissima australiana (la foto qui sotto mostra il suo splendido fisico). Il risultato va sul 20-12.


La difesa delle Temptation riesce a fermare l'attacco di Seattle, anche con il contributo di Megan Hanson, ex Seattle, che piazza un sack su Matheny. Los Angeles riprende la palla e arriva a 2 yards dalla meta che, se seguita da una conversione da due punti, potrebbe dare il pareggio, ma poi un fumble sullo snap fa perdere un down e 4 yards e sul successivo quarto down Caldwell corre verso la endzone, ma viene fermata a 2 yards dalla linea da un placcaggio provvidenziale di Brace. Seattle, tornata in possesso della pallone, fa qualche giocata e poi lascia finire il tempo, portando a casa la vittoria.

Risultato finale: Seattle Mist - Los Angeles Temptation 20-12

Nessun commento:

Posta un commento