lunedì 24 agosto 2015

LFL 2015, gara 15: Chicago lascia ancora Omaha a zero

La quindicesima partita del campionato 2015 della LFL vede di fronte le Chicago Bliss, che quest'anno hanno vinto tutte le partite disputate, e le Omaha Heart, che le hanno perse tutte. Per Omaha ci sono due novità: la brava e bella J. J. Thacker, che ha già esperienza nella LFL con le Orlando Fantasy, e la nuova quarterback Kayleen Colson, la nona giocatrice a ricoprire il ruolo per Omaha in 6 partite.

La posizione di quarterback a Omaha è stata quest'anno una questione complicata: mai una squadra della LFL aveva avvicendato tante giocatrici in tale ruolo. Nelle precedenti cinque partite le Heart avevano schierato appunto ben otto giocatrici. Con le prime sette la squadra non è mai arrivata in meta: Ashley Amick (6 su 23, con 2 intercetti subiti), Jenna Holt (nessun passaggio, subito fuori per infortunio a una gamba), Jessica Ripp (nessun passaggio), Ashley Dickinson (0 su 1), Anonka Dixon (1 su 7, con 2 intercetti subiti), Lindsey Howell (nessun passaggio) e Stephanie Baer (nessun passaggio). Nella seconda metà della quinta gara si è provato ad affidare la posizione a Heather Hudson e la bellissima Heather, già distintasi in difesa, ha mostrato di saper gestire bene anche il nuovo ruolo, portando la squadra ai primi due touchdown della stagione e concludendo con 4 completati su 9, un passaggio in meta e nessun intercetto subito.

Le Bliss aprono le marcature con un quarterback sneak da una yard di Heather Furr (nell'immagine di paertura): 6-0. Omaha arriva a poche yards dalla meta ma viene fermata dalla difesa di Chicago che, nel drive seguente, con il quale si passa nel secondo quarto, raddoppia con un'altra corsa da 1 yard di Furr: 12-0. Chantell Taylor mette a segno un sack su Colson e la difesa delle Bliss ferma ancora l'attacco di Omaha. Anche Chicago perde palla per down e nel tempo restante alla conclusione della prima metà della partita Omaha non riesce a segnare.

Nel terzo quarto c'è un fumble sull'hand-off tra Colson e Sarah Jane Thompson. Sulla palla si butta Kim Perez che quindi si rialza e va in meta. Per gli arbitri, però, il gioco era già fermo. La decisione non ci sembra corretta: mentre è a terra nessuna giocatrice di Omaha tocca Perez e quando Colson appoggia una mano sul sedere della giocatrice delle Bliss, questa ha già sollevato da terra entrambe le ginocchia. In ogni caso, al gioco seguente Furr passa il pallone ad Alli Alberts che va in meta: gioco di 6 yards e punteggio che sale a 18-0. Dominique Collins intercetta un lancio di Colson. Furr trova Stephanie Murray in endzone: passaggio da 5 yards e touchdown (nell'immagine qui sotto). Con una corsa di Furr che vale la conversione da due punti si arriva sul 26-0 finale.


Nessuna segnatura, infatti, viene fatta nell'ultimo quarto. C'è un fumble su un pitch da Colson a Hudson ma è la stessa Hudson a riprendere la palla. Omaha perde la palla per down. Chicago fa un drive inconcludente e perde palla per down sulle sue 15, ma Omaha non sfrutta la situazione favorevole e si ferma a 6 yards dalla meta.  Su un pitch tra Furr e Javell Thompson il pallone finisce a terra ma lo afferra Furr. Chicago perde comunque la palla per down. Omaha tenta un gioco a sorpresa con un lancio laterale di Colson a Shalynn Durham e lancio lungo di quest'ultima che, però, viene intercettato da Furr.

Risultato finale: Chicago Bliss @ Omaha Heart 26-0

Nessun commento:

Posta un commento