martedì 21 luglio 2015

LFL 2015, gara 10: Seattle batte Las Vegas


Le Seattle Mist sono ospiti delle Las Vegas Sin nella decima partita dell'anno della LFL.

Le Mist, nel loro primo drive, perdono la palla su un hand-off da K.K. Matheny a Lily Granston: la palla finisce a terra e viene presa da Kim Jack, ex giocatrice delle Baltimore Charm ora in forza a Las Vegas. Neppure le Sin, però, portano a segno il loro drive che si conclude quando, su un quarto down, Katie Whelan e Danika Brace fanno un sack alla quarterback avversaria Sindy Cummings. Nel drive seguente, però, le Mist vanno a segno con un'azione rocambolesca. Seattle è a 9 yards dalla endzone. Lo snap cade a terra; Matheny raccoglie il pallone ma si ritrova sotto la pressione della difesa di Las Vegas e butta in aria il pallone verso l'area di meta; la palla rimbalza sul bordo della barriera di fine campo e viene acchiappato da Jessica Hopkins: touchdown (nell'immagine sotto). Con l'extra point di Stevi Schnoor si va sul 7-0. Al terzo gioco del drive successivo le Sin combinano un guaio: lo snap è alto e la palla finisce nella loro endzone; Whelan è lesta a buttarsi sulla palla e a segnare così la seconda meta dell'incontro. Con un altro extra point di Schnoor il punteggio diventa 14-0. Ma anche Las Vegas ha un asso nella manica ed è Dominique Maloy: la forte runningback al primo gioco del drive prende la palla e la porta direttamente in meta: 14-6.


Nel secondo quarto, le Mist si riportano avanti. Matheny lancia per Bryn Renda che afferra il pallone e segna: gioco da 19 yards e touchdown (immagine sotto); segue l'extra point di Hopkins: 21-6. Dopo un drive a testa senza segnature, è Las Vegas a portare a casa una meta: screen pass di Cummings per Tamar Fennell che prende la palla e conclude in meta la giocata da 9 yards. La stessa Fennell segna l'extra point. Si va sul 21-13 con una manciata di secondi a disposizione delle Mist prima che giunga l'halftime. L'occasione per le giocatrici di Seattle c'è: in un bel gioco a sorpresa Bryn Renda ricevuto il pallone dalla quarterback lancia bene la palla ma Hopkins, destinataria del passaggio, stavolta non è all'altezza della sua solita bravura e si lascia sfuggire il pallone e un touchdown sicuro.


Al primo gioco dopo il kickoff, Maloy raddoppia: altra corsa da 35 yards, anche se stavolta è favorita dalla disattenzione della difesa di Seattle che si ferma dopo che Granston afferra Maloy e la trascina a terra; tuttavia il corpo della giocatrice di Las Vegas ha semmai toccato quello dell'avversaria a terra ma non il terreno e dunque il gioco è vivo e la runningback delle Sin fila via in meta: 21-19. Le Mist però riprendono il passo e Matheny combina con Megan Hanson un touchdown da 9 yards: 27-19. Cummings prova dei lanci lunghi. Uno viene quasi intercettato da Hopkins. Un altro, su un quarto down, non viene trattenuto dalla pur brava Cynthia Schmidt e così la palla torna a Seattle, che ne approfitta. A segnare è Schnoor con una corsa da 16 yards nella quale rompe quattro tentativi di placcaggio. La stessa Schnoor aggiunge l'extra point: 34-19.

Nell'ultimo quarto, Schnoor ancora in evidenza: fa cadere la palla a Cynthia Schmidt e poi lei stessa la afferra ridandola così a Seattle. Sono male coordinate le Mist in un gioco in cui lo snap finisce sulla gamba della giocatrice che sta facendo la motion: il fumble è coperto comunque da Matheny. Seattle perde la palla per down a 3 yards dalla meta con 1 minuto e 49 da giocare. Cummings fa un lancio da 20 yards nell'angolo destro dell'area di meta per Maloy che acchiappa il pallone con una ricezione acrobatica che conferma le qualità atletiche di questa ottima giocatrice. L'azione dell'extra point è un po' laboriosa ma Cummings riesce a passare a Jack che si prende il punto: 34-26. Il tempo non è, però, molto. Le Sin giocano ovviamente la carta dell'onside kick, calciato da Fennell, ma Schnoor non si fa sfuggire il pallone. Le Mist, quindi, lasciano scadere il tempo restante.

Risultato finale: Seattle Mist @ Las Vegas Sin 34-26

Nessun commento:

Posta un commento