martedì 9 giugno 2015

LFL 2015, gara 6: Los Angeles dilaga contro Las Vegas

Dopo cinque partite del girone Est, nel campionato del 2015 della LFL esordisce il girone Ovest con la partita tra le Los Angeles Temptation (con le fortissime Ashley Salerno e Carmen Bourseau, ritratte nella foto di apertura) e le Las Vegas Sin. Si gioca al famoso Los Angeles Coliseum, stadio che ha avuto l'onore di ospitare anche le Olimpiadi.

Il calcio d'inizio è battuto da Monique Gaxiola, una vera istituzione delle Temptation e della LFL. Le Sin partono bene e concludono in meta con una corsa da una yard della quarterback Sindy Cummings. Continuano bene quando, nel drive successivo di Los Angeles, Amanda Ruller perde il pallone e a prenderlo è Zoey Clark che lo ridà, così, a Las Vegas. Sembra mettersi bene anche il drive seguente di Las Vegas quando la giocatrici in bianco sono ormai a poche yards dalla meta, ma su un quarto down c'è uno snap un po' complicato e Cummings, pur riuscendo a tenere il controllo del pallone, viene fermata con un sack da Danielle Harvey e Naja Christmas. Los Angeles stavolta non sbaglia e conclude il drive in touchdown con una breve corsa di Carmen Bourseau: 6-6. Las Vegas non conclude in meta neppure il seguente drive e Los Angeles si porta avanti. Ashley Salerno trova Kiara Patterson con un gran lancio. La combinazione da 28 yards avvicina le Temptation alla meta che arriva con una corsa da 5 yards di Salerno (nell'immagine qui sotto). Con la trasformazione, realizzata con un passaggio di Salerno a Sherri Agawah, si va sul 13-6 per Los Angeles. Le Sin non riescono a segnare prima dello scadere della metà del tempo.


Nel terzo quarto Los Angeles si porta avanti con Bourseau: la bellissima e bravissima runningback corre per 33 yards in meta. Con la trasformazione da due punti, messa a segno con un passaggio di Salerno ad Awagah, si passa sul 21-6. Quindi Cummings lancia lungo per Brittany Henderson fermata a una sola yard dalla meta. Al gioco seguente, Cummings varca la linea, accorciando le distanze (21-12 per Los Angeles). A riportare avanti le Temptation è ancora la grande Bourseau che segna un touchdown (immagine qui sotto) con una corsa da 14 yards: 27-12. Si mette quindi in mostra Dominique Maloy che corre per 35 yards fino in touchdown: 27-18. Segna poi Salerno con una corsa da 14 yards seguita da una trasformazione da due punti con corsa della stessa Salerno: 18-35.


Si entra nell'ultimo quarto. Las Vegas non segna. Los Angeles, invece, non sbaglia e chiude con un passaggio di Salerno ad Awagah per 13 yards. La stessa combinazione Salerno-Awagah si ripete nella trasformazione da due punti: 43-18. Le Sin non riescono a segnare neppure nel successivo drive e le Temptation prendono il largo. Salerno dà la palla a Bourseau che la cede in reverse a Amanda Ruller: gioca da 18 yards e meta. Ancora una trasformazione da due punti con corsa di Salerno e si va sul 51-18. Las Vegas conclude quindi in meta il drive con un passaggio da 13 yards di Cummings per Tamar Fennell, ma il divario è ancora ampio (51-24) e il tempo poco (1 minuto e 25 secondi). Le Sin provano un onside kick per tornare in possesso della palla, ma il pallone filtra in profondità e viene bloccato da Salerno a 4 yards dalla propria linea di meta. La stessa Salerno poi, con una corsa, allontana il pallone dalla propria endzone e quindi passa a Monica Jaramillo per un touchdown da 23 yards. La trasformazione da due punti, con passaggio di Salerno a Harvey, porta il punteggio sul 59-24 con soli 29 secondi da giocare. Impossibile ovviamente la rimonta, ma Cummings cerca di segnare almeno un'altra meta affidandosi a lunghi lanci. A contrastarla sono però le due Hall di Los Angeles. Il primo lancio è quasi intercettato da Delaney Hall; il secondo è quasi acchiappato da Nastassia Hall; il terzo finisce finalmente nelle mani di una compagna, Cynthia Schmidt, ma al seguente ancora Nastassia Hall anticipa Schmidt e intercetta il passaggio di Cummings. Il tempo finisce in questa azione.

Risultato: Las Vegas Sin - Los Angeles Temptation 24-59

Nell'immagine qui sotto, a fine partita le giocatrici si salutano sportivamente con abbracci e baci alle avversarie. In primo piano l'abbraccio tra Kelly Campbell, di Las Vegas (col il numero 3), e Monique Gaxiola, di Los Angeles (numero 13).


Nessun commento:

Posta un commento