giovedì 2 ottobre 2014

LFL: le Chicago Bliss campionesse 2014

Nella Legends Cup, la finale della LFL, il campionato più sexy del mondo, le Chicago Bliss fanno il bis, confermando il successo dello scorso anno. Le Atlanta Steam stavolta non riescono a sconfiggere i pronostici, perdendo comunque con onore contro le favorite avversarie: alla fine il divario è di soli sei punti, 24-18.

Miglior giocatrice della finale è eletta Chrisdell Harris, una vera stella della LFL, che chiude l'incontro con 15 yards per 167 yards, con la straordinaria media di 10,8 yards per corsa, e tre touchdown.

Chicago Bliss - Atlanta Steam 24-18


Il kickoff della finale è calciato da Jessica Price (nell'immagine qui sopra la bionda Jessica si appresta a calciare il pallone). Nel primo drive, Atlanta perde palla per downs. La riprende presto, però: al secondo gioco, Coco Montgomery, bella e brava, intercetta un passaggio di Heather Furr anticipando Alli Alberts sulle 10 yards di Atlanta e riporta la palla fino a 3 yards dalla meta. La situazione è favorevole per Atlanta, ma Yashi Rice mette a segno due tackle for loss e Dominique Collins fa cadere a terra un passaggio diretto a Jodie Nettles. La stessa Collins commette però poi una pass interference che riporta Atlanta vicino alla linea di meta: mancano due yards. La difesa di Chicago, però, dà ancora prova di gran valore bloccando le Steam sulla corsa (notevole un tackle for loss di Chantell Taylor). La quarterback di Atlanta, Dakota Hughes, prova allora un passaggio che viene però quasi intercettato da Nneka Nwani. Palla quindi a Chicago. Le Bliss pasticciano un po', con un fumble su un pitch di Furr a Chrisdell Harris, ma Furr riesce ad acchiappare il pallone prima delle avversarie. Il drive prosegue e, dopo che si è entrati nel secondo quarto, Harris segna con una corsa da 5 yards (nell'immagine qui sotto) e realizza anche la trasformazione: 8-0.


Nel successivo drive di Atlanta, la difesa di Chicago mette a segno un paio di colpi, con Rice stoppa un lancio di Hughes e la stessa Rice e Collins che fanno un sack sulla quarterback avversaria, ma alla fine le Steam segnano, con una corsa da 1 yard di Nas Johnson a 6 secondi dalla fine. Per Chicago c'è solo tempo per uno shovel pass a Harris che viene fermata senza che possa arrivare in touchdown. La prima metà si conclude sull'8-6.

Nel terzo quarto c'è ancora un fumble su un pitch di Furr e Harris e stavolta è Atlanta, con Holly Oakes (nell'immagine qui sotto), a recuperare il pallone, anche se nel drive seguente Atlanta viene fermata a 2 yards dalla meta. Non sbaglia invece Chicago che conclude il drive con una corsa da 23 yards in touchdown di Harris. La trasformazione di Furr porta il punteggio sul 16-6 (invero, la trasformazione ci era sembrata da un punto, ma le Bliss ne ricevono due).


Nell'ultimo quarto, le Steam si trovano nella non facile situazione di un 4th and goal a 15 yards dalla endzone: Hughes e Montgomery però combinano per una meta e accorciano le distanze: 16-12. Mancano quattro minuti alla fine e Atlanta cerca di rientrare subito in possesso del pallone con un onside kick, ma le Bliss non si lasciano sfuggire la palla. Harris va ancora in meta (corsa da 3 yards) e con la trasformazione di Furr (che, anche in questo caso, ci è parsa da un punto, mentre ne riceve due) si va sul 24-12. Palla ad Atlanta. Collins fa un sack su Hughes. Le Atlanta vanno comunque in meta con Hughes che lancia a Nettles (meta da 12 yards): 24-18. Mancano però meno di un minuto. Atlanta tenta di nuovo un onside kick, ma Furr blocca la palla e la tiene per Chicago. Dopo una corsa di Harris, Furr va in touchback per lasciare scadere il tempo.

Congratulazioni alle ragazze di Chicago! E complimenti a tutte le giocatrici di questo straordinario campionato: hanno dimostrato che, oltre a essere belle e sexy, sono anche validissime atlete! Delle very special girls!

Nessun commento:

Posta un commento