martedì 30 settembre 2014

LFL: grande rimonta di Atlanta: campionesse del girone Est

Nella finale dell'Est della LFL, le Atlanta Steam guadagnano il biglietto per la Legends Cup battendo le più favorite dal pronostico Jacksonville Breeze con una rocambolesca rimonta che le porta a pareggiare a meno di un minuto dalla fine e ad aggiudicarsi poi la vittoria nell'overtime.

Atlanta Steam - Jacksonville Breeze 20 - 14

Partono in attacco le Steam. La giovane quarterback Dakota Hughes, però, non pare in gran giornata e già nel primo drive rischia due volte l'intercetto: un suo lancio rimbalza sulle mani di Adrian Purnell e nel gioco successivo un altro passaggio viene quasi intercettato da Shelltrice Turner. Atlanta perde quindi palla per downs.

Le Breeze (mentre si è entrati nel secondo quarto), arrivate a un passo dalla linea di meta, pasticciano un po', con un fumble su un hand-off, con palla per loro fortuna agguantata dalla quarterback K. K. Matheny, ma al gioco successivo Saige Steinmetz, la forte runningback di Jacksonville, entra in meta con una corsa da 5 yards (e con gli slip tirati giù da un'avversaria che cercava di bloccarla, ma ai momenti sexy di semifinale e finale dedicheremo un post a parte). Nella trasformazione, Matheny dà la palla a Lauran Ziegler che, con una giocata a sorpresa, invece di portare la palla avanti correndo la butta in area di meta: il lancio, più in stile da tiro a "gancio" da basket che da passaggio da football, è efficace e finisce nelle mani di Bryn Renda: 0-8. Un passaggio di Hughes viene quasi intercettato da Janita Ocana. Atlanta perde palla per downs. Lo stesso fa Jacksonville a 4 secondi dalla fine della prima metà: per Atlanta c'è tempo per un solo gioco, che non porta in meta.

Comincia il terzo quarto. Sul ritorno del kickoff, Montgomery fa perdere la palla a Turner: la acchiappa Tiana Lopez: palla ad Atlanta. Le Steam arrivano fino a 15 yards dalla meta. Hanno l'occasione per segnare con un lancio di Hughes diretto a Nettles, ma Ciara McMillan devia il pallone sventando il pericolo e poi Lauran Ziegler completa l'opera intercettando un lancio di Hughes. Jacksonville, rientrata così in possesso della palla, combina però un pasticcio: snap troppo alto e palla che finisce contro la barriera di fine campo e dunque safety per Atlanta: 2-8. Le Steam perdono però l'occasione per farsi sotto perdendo la palla per down.

Si entra nel quarto quarto e Steinmetz va in meta con una corsa da 2 yards. Sul tentativo di extra-point, Keyhon Harrison fa un sack su Matheny. Siamo quindi sul 2-14. Hughes rischia ancora: un suo passaggio viene quasi intercettato da Ocana. Atlanta perde palla per down. Jacksonville arriva fino a una yard dalla meta che renderebbe quasi impossibile la rimonta per Atlanta, ma due penalità spediscono le Steam indietro fino alle 15. Adrian Purnell fa una bella corsa, ma Gore le fa perdere il pallone che viene preso da Sharlene Fuller per Atlanta. Hughes, sin qui evanescente, si riscatta sparando un lungo lancio per Nettles, completando poi un altro passaggio ancora a Nettles e infine servendo un passaggio da touchdown da 5 yards a Ashley Pope: 8-14. Con poco più di un minuto a disposizione, Atlanta prova un onside kick, calciato da Jennifer McLaughlin: il tentativo ha successo: è Lopez a prendere il pallone. La rimonta di Alanta rischia di naufragare subito: Dina Wojowski quasi riesce a intercettare un lancio di Hughes. Su un terzo tentativo, K.B. Bryant, con un'azione quasi da giocatrice di basket, stoppa un passaggio di Hughes. Si va su un quarto down con 10 yards da prendere e 55 secondi alla fine. Stavolta Hughes non sbaglia e serve Nas Johnson: touchdown da 29 yards e pareggio (nell'immagine qui sotto Dakota Hughes si appresta al lancio vincente).


Nell'ultimo minuto (poco più) le Steam hanno recuperato 12 punti e potrebbero persino passare in vantaggio, ma la corsa di Johnson per l'extra-point viene bloccata dalla difesa di Jacksonville. Le Breeze hanno 46 secondi per segnare prima della fine dei tempi regolari, ma non ce la fanno, anche per merito di Fuller che devia un lungo lancio di Ziegler diretto a Renda.
Si va quindi al tempo supplementare. Il primo drive è per Atlanta. Su un quarto down, Hughes tenta un lancio lungo che viene intercettato da Ziegler, la quale avrebbe però fatto meglio a lasciare cadere la palla a terra: trattandosi di un quarto down avrebbero cominciato le azioni da dove era partita l'azione di Atlanta, mentre in questo modo partono dal punto in cui Ziegler ha preso la palla, vicino alla loro linea di meta. C'è quasi un safety di Harrison su Steinmetz. Jacksonville non riesce a segnare e la palla torna a Atlanta che, stavolta, porta il suo drive fino alla meta, realizzata con un lancio da 2 yards di Hughes a Pope.


Con la segnatura si chiude subito la partita. Le Atlanta Steam per la prima volta nella loro storia raggiungono la finale. Le giocatrici in nero esultano per la vittoria, ma non dimenticano certo i valori sportivi, come mostra la bella immagine con cui concludiamo l'articolo, con un abbraccio tra Nas Johnson di Atlanta e Adrian Purnell di Jacksonville.



giovedì 25 settembre 2014

Una segretaria sexy al Parlamento svizzero

Adeline Lafouin ha condiviso in rete alcune sue foto sexy, in particolare con il seno scoperto. Se ne trovano diverse anche se quelle che ho potuto vedere erano tutte sfumate sul volto o sul seno: la cosa curiosa è che è pure possibile che la stessa foto compaia in una versione che censura il seno ma lascia visibile il volto e in una che copre il volto lasciando visibile il seno. Le immagini di questo post sono state ottenute unendo le due versioni in modo da lasciar visibile l'uno e l'altro.

Tra le foto di Adeline, alcune erano state fatte sul posto di lavoro. E qualcuno quel posto l'ha riconosciuto: il Parlamento svizzero, dove Adeline era impiegata come segretaria. E' quindi scoppiato uno scandalo in cui i soliti moralisti si sono sentiti in diritto di esprimere giudizi.

Una delle accuse è che la donna avrebbe usato il tempo di lavoro per scopi non pertinenti all'ente per cui lavorava, un attacco demagogico che, come si capisce al volo, ha poco senso. Che una foto sia stata scattata sul luogo di lavoro non significa per forza che sia stata scattata durante l'orario di lavoro. Chi può dire che non sia stata scattata prima di cominciare o dopo il termine della giornata lavorativa oppure nella pausa per il pranzo? Ma, persino se fosse stata scattata durante l'orario, quanto tempo ci vuole a scoprire il seno e scattare una foto? Meno di quello che richiede una pausa per prendere un caffè o fumare una sigaretta, cose per cui nessuno si sarebbe scandalizzato tanto.


L'accusa principale, e quella rivoltale dall'ente, è stata comunque quella di aver danneggiato l'immagine dell'istituzione. Ma una donna con il seno scoperto, in foto che comunque, pur scattate nel palazzo, non impegnano in alcun modo il Parlamento, si possono davvero considerare un danno d'immagine? Non mi pare proprio. Anzi, dato che spesso le istituzioni appaiono ai cittadini un po' lontane e distaccate, le foto un po' spavalde di una segretaria possono ricordare che alla fine dentro al palazzo non ci sono robot ma esseri umani, magari con un pizzico di "follia" e rendere più simpatica (altro che danneggiare!) l'immagine dell'ente.

Purtroppo il Parlamento svizzero ha avuto la pessima idea di assecondare le sciocche rimostranze contro l'impiegata, stabilendone il licenziamento. Purtroppo è un altro caso che dimostra che il moralismo non è solo inutile e fastidioso ma può anche danneggiare realmente le persone in un aspetto così importante come il lavoro.

Ci auguriamo che la pubblicità che ha ricevuto possa in qualche modo aiutare Adeline. In bocca al lupo!

(Un caso che assomiglia un po' a questo è quello dei selfie hot di una consigliera di un ministero in Serbia, la bella Vanja Hadzovic, di cui abbiamo parlato nel blog qui)

mercoledì 24 settembre 2014

Olivia e Eva: allattamento da dive

Dolcezza e bellezza si uniscono nelle immagini di Olivia Wilde e Eva Riccobono che allattano i figli.

Le due dive giustamente hanno trovato del tutto naturale condividere un momento così dolce.

Olivia Wilde lo ha fatto in un servizio fotografico per la rivista "Glamour" (lo scatto fa da immagine di apertura per questo post del nostro blog).

La modella italiana Eva Riccobono ha condiviso sul social network Instagram la sua foto mentre è impegnata nell'allattamento (immagine qui sotto).

Congratulazioni ad entrambe per la maternità e per aver scelto di rendere pubblici questi teneri momenti!


lunedì 22 settembre 2014

Belen e Ilary: trasparenze sexy con eleganza

Giocare con le trasparenze: Belen e Ilary lo sanno fare molto bene!

Belen Rodriguez, invitata al matrimonio di Elisabetta Canalis, ha saputo attirare gli occhi dei presenti e dei media con un elegante abito blu con trasparenza sul corpo che valorizzava per bene le forme del seno della splendida showgirl argentina.

Sulla trasparenza ha puntato anche Ilary Blasi che, per il suo ritorno a condurre la trasmissione televisiva "Le Iene", ha scelto un abito con ricami neri che la lasciava ben visibile in culotte e reggiseno neri.


Due ottime mise che mostrano ancora una volta la bellezza di Belen e Ilary e la loro abilità nel farsi notare con un look insieme molto elegante e veramente sexy. Congratulazioni!


venerdì 19 settembre 2014

Lara Bingle: via il costume!

In vacanza alle Hawaii, la modella e showgirl australiana Lara Bingle si è messa in topless, come mostra la foto di apertura che valorizza il suo formoso seno.

Già questa è stata certamente un'ottima mossa per avere una migliore abbronzatura ma la bionda Lara, quando si è sdraiata a prendere il sole, ha giustamente notato che c'era un altro ostacolo che si frapponeva tra i raggi solari e la sua pelle. Così, per fare davvero le cose per bene, si è tolta anche gli slip dandosi alla tintarella completamente nuda, come si vede nell'immagine qui sotto. Peccato che le foto del paparazzo che l'ha immortalata diano solo una visione laterale.

Un'ottima scelta che merita di essere imitata dalle bellezze in spiaggia!


lunedì 8 settembre 2014

Wags in topless: Debora e Carina

Le wags (acronimo di wives and girlfriends, ovvero mogli e fidanzate; sottointeso: dei calciatori) si fanno notare anche in spiaggia con topless che sono davvero ... un bel gol!

In un articolo precedente avevamo menzionato il topless di Valentina Baldini, l'attuale compagna del calciatore della Juventus e della nazionale italiana Andrea Pirlo. Per non essere da meno, anche la ex compagna del giocatore, Debora Roversi, ha messo in mostra un bel topless.

Da applausi è il topless di Carina Wanzung, compagna del calciatore tedesco Mario Gomez, in forza alla Fiorentina. La ragazza merita davvero il suo nome: Carina di nome e di fatto. In spiaggia, in costume, ha modo di sfoggiare il suo corpo slanciato. Indossa solo gli slip e la scelta del topless è indubbiamente vincente.


Non è in topless ma merita senza dubbio la citazione l'attrice Michela Quattrociocche, moglie del giocatore della nazionale italiana Alberto Aquilani, anche lui della Fiorentina. Nelle foto pubblicate da "Oggi", in bikini e con il pancione rotondo che annuncia una prossima maternità, è un mix di bellezza e dolcezza.


martedì 2 settembre 2014

Casey esalta la masturbazione: "Ho raggiunto l'orgasmo solo facendo da sola"

La modella Casey Batchelor (nell'immagine di apertura si può ammirare il bel sorriso e il prosperoso seno)  è diventata nota al pubblico televisivo  inglese per la sua partecipazione al reality show Celebrity Big Brother. Con lodevole spigliatezza da very special girl, in una rubrica per il Daily Mail,  Casey ha affermato che è sbagliato ritenere negativa la masturbazione e ha consigliato di praticarla, dicendo che lei stessa la pratica molto volentieri.

Il sesso DIY ("do it yourself", "fai da te"), sostiene la modella, è anche utile per sperimentare e capire come poi poter ricavare maggiore piacere anche in un rapporto con un'altra persona. Ma per Casey la masturbazione non è solo un allenamento in vista del sesso fatto con il/la partner, nè tanto meno solo un ripiego in mancanza della possibilità per qualunque motivo di fare sesso con un’altra persona, ma è una forma di piacere validissima di per sè e di cui è veramente un peccato non avvalersi.

Casey ha anzi aggiunto  che sinora nessuno dei ragazzi con i quali ha fatto sesso  è riuscito a portarla all’orgasmo e ha raggiunto tale importante traguardo soltanto masturbandosi (nel suo testo, per essere ancora più chiara, ha pure usato il maiuscolo: “I have ONLY ever orgasmed by myself”).


lunedì 1 settembre 2014

La classifica del blog (agosto 2014)

Una bella soddisfazione per il blog questo mese di agosto: superate le 17.000 visite! Sono state 17.004, che supera abbondantemente il precedente record mensile! Grazie a tutti! In totale arriviamo a 277.545.

La classifica dei post più visti del mese ci porta una novità. Dopo due anni e mezzo in cui la vittoria mensile era o delle ragazze della LFL o di Elena Anaya (l'ultimo primato di altre era stato nel febbraio 2012, con il calendario di Femen), ad agosto Brigitta Boccoli, con il suo topless (del 2013), è riuscita a superare anche loro arrivando a ricevere 1328 visite.

La splendida Elena Anaya è comunque seconda, seguita dalle altrettanto belle Kelly Brooks e Val Midwest, ormai abbonate ai primi posti della nostra classifica, e dalle meravigliose ragazze della LFL.

Ecco la top ten mensile:


Nella classifica all-time un altro passo in avanti di Kelly Brooks che, grazie al suo spettacolare topless (non per nulla eletto dal nostro blog miglior topless del 2013!), raggiunge il quinto posto.


Nelle ricerche per parole del mese, stravincono le ministre! Al primo posto la ministra dell'istruzione Stefania Giannini che, grazie al suo exploit in topless, ha 68 ricerche e al secondo, staccata di tre lunghezza, la ministra delle riforme Maria Elena Boschi, anche lei protagonista delle cronache dalle spiagge dove in bikini si è mostrata come sempre affascinante. Se si aggiunge che ha fatto capolino anche la ministra della pubblica amministrazione Marianna Madia (5 ricerche), è una vera vittoria delle donne al governo! Insieme a loro entrano tra le più cercate del mese Vanessa Gravina (22) e le ragazze della LFL (5).

Nessun cambiamento nelle prime posizioni della classifica all-time delle ricerche per parole rispetto al mese scorso.

Tra i post recenti (ultimi tre mesi) vince l'ottimo topless di Carolina Marconi (103 visite). Al secondo posto la cronaca della quarta, quinta e sesta partita della LFL con gli slip tirati giù a Kiara Patterson come momento sexy (92). Il calendario dell'Enpa di Vicenza con i nudi delle volontarie, con 74 visite, si aggiudica il terzo posto battendo di misura il post in cui abbiamo raccontato alcuni episodi di sesso in pubblico (72 visite).