venerdì 9 maggio 2014

Riparte la LFL USA: giocatrici sempre bravissime e sexy

E' cominciato il quinto campionato USA della Legends Football League. Dieci le squadre al via per contendersi il titolo, con incontri che mettono in mostra le qualità sportive delle atlete ma anche quelle estetiche, dato che la lega ha saggiamente deciso di continuare a far giocare le ragazze con una divisa che prevede, oltre a calzature e protezioni, solo slip e un reggiseno scollato, in modo da lasciare ammirare i loro splendidi corpi. Senza contare che, essendo il football americano uno sport di contatto, un placcaggio potrebbe anche scoprire qualcosa di più...

Nella prima partita dell'anno, le Baltimore Charm hanno ospitato le Jacksonville Breeze (ex Tampa Breeze). La prima meta del campionato l'hannon segnata le Charm con Katie Ferguson (una breve corsa in touchdown), ma, trascinate da Saige Steinmetz, sono state le Breeze a vincere per 27-12. La Steinmetz ha realizzato la meta del pareggio con una lunga corsa (24 yards) nel primo quarto e, dopo che le Charm si erano riportate avanti con un passaggio da touchdown di Morgan Spencer a T. C. Mesta, ha raddoppiato alla fine del secondo quarto con un'altra corsa. Anche nel terzo quarto, Saige è stata protagonista. Ha ricevuto un passaggio da touchdown dalla sua quarterback K. K. Matheny; ha realizzato un sack decisivo sulla quarterback avversaria portando Baltimore a dover giocare un quarto down con 19 yards, che le Charm non sono riuscite a superare; ha di nuovo varcato la linea di meta con una corsa, segnando il suo quarto touchdown nella partita. Nell'immagine qui sotto: le giocatrici di Jacksonville Dina Wojowski (17) e Adrian Purnell (18) in un momento dell'incontro.


Nella seconda partita, ancora in campo le Breeze, stavolta in casa contro le Omaha Heart. Il punteggio è rimasto sullo 0-0 fino a poco più di 2 minuti dal termine del terzo quarto, ma da lì le Breeze sono dilagate segnando nel terzo quarto con la solita Steinmetz e nel quarto con Shelltrice Turner, Lauren Ziegler (al suo attivo anche un intercetto, che si somma a un altro realizzato nell'incontro precedente) e Janita Ocana che ha intercettato un lancio della quarterback avversaria Ashley Lambrecht e lo ha riportato per 25 yards fino in meta portando il punteggio sul definitivo 25-0. Per la povera Lambrecht è stata, sportivamente, una giornata disastrosa: è riuscita a completare un solo passaggio su 16 e due sono stati intercettati (ha quindi servito più le avversarie che le compagne). E' però senza dubbio da lodare per un episodio capitato nel secondo quarto: Kera Bryant, cercando di placcarla, le ha tirato giù gli slip scoprendole il sedere (complimenti anche a Kera per la grinta!) ed Ashley, con grande professionalità, prima ha pensato a eseguire il passaggio e solo dopo averlo fatto ha provveduto a ricoprirsi.


Qui sotto una veduta sul lato b di Kera Bryant, la giocatrice che ha scoperto il lato b della quarterback avvaersaria.


Nell'immagine qui sotto, la quarterback di Jacksonville K. K. Matheny salta tra le braccia di un tifoso (non sappiamo se fidanzato o amico o uno sconosciuto cui è toccata comunque la fortuna di poter "toccare con mano" la bellezza della giocatrice).


Nel terzo incontro, larghissima vittoria delle Los Angeles Temptation sulle Las Vegas Sin: 42-14. Al primo drive, Las Vegas non riesce a superare le proprie 10 yards. La palla passa a Los Angeles che al suo primo gioco va in meta con una corsa della bellissima Carmen Bourseau. Las Vegas ancora non riesce a segnare e cede la palla alle Temptation e ancora una volta al suo primo gioco le ragazze in nero vanno a segno con una corsa da 31 yards di Ogom Chijindu. Nel secondo quarto segna Las Vegas con un passaggio di Sidney Cummings alla valida receiver Cynthia Schmidt, ma le Temptation replicano con una corsa in meta di Kiara Patterson. Tra terzo e ultimo quarto di gioco, Ashley Salerno, che non aveva ancora avuto occasione di mostrare la potenza del suo braccio, spara tre lanci e tutti e tre si concludono in meta: a ricevere sono Jasmyn Bindloss (due volte) e Kelley Schroeder. Le Sin segnano una meta ancora con la coppia Cummings-Schmidt, ma non possono più rimontare. Nell'immagine qui sotto Jasmine Byndloss segna una meta e quella successiva mostra che, oltre che ricevendo un pallone, Jasmine va a segno anche con il seducente lato b.



Complimenti ancora una volta a tutte le ragazze della LFL! Una tirata d'orecchie va invece fatta ai media: si trovano pochissime notizie su questo campionato. Le atlete sono bravissime e giocano seminude e capita persino che talvolta, come nel caso di Ashley Lambrecht presentato in questo post, restino col lato b scoperto. Insomma ci sono tutti gli elementi per attrarre l'interesse dei lettori: possibile che tanti media non se ne accorgano?

Nessun commento:

Posta un commento