venerdì 18 aprile 2014

Belle Knox: carriera porno per pagarsi gli studi

Miriam Weeks, 18enne studentessa della Duke University, aveva bisogno di guadagnare qualcosa per non gravare troppo sui genitori per il pagamento della costosa retta universitaria.

La ragazza ha riferito che aveva lavorato come cameriera ma questo impiego le sottraeva molto tempo interferendo con lo studio e non le fruttava molto. Ha aggiunto che era pure trattata male. Così aveva deciso di cambiare.

Le era capitato di pensare che le piaceva fare sesso e allora le era venuta l'idea che avrebbe potuto lanciarsi nel mondo del porno. Senza grandi difficoltà era riuscita a entrarci subito e si era sentita trattata molto meglio in questo campo che come cameriera, oltre ad avere guadagni maggiori con minor dispendio di tempo. Per evitare seccature, aveva preferito usare (come d'altra parte fanno in genere le star del porno) uno pseudonimo, Belle Knox, e aveva cercato di evitare che la sua carriera "hot" fosse conosciuta all'università.

Come in altri casi, però, è saltato fuori qualcuno che ha scoperto che Belle Knox era una studentessa dell'università e l'ha spifferato. Miriam dapprima ha accettato di lasciarsi intervistare dai media ma fingendo di chiamarsi Lauren, poi ha pensato che era inutile nascondersi ed è uscita allo scoperto col suo vero nome, giustamente pensando che non aveva nulla di cui vergognarsi. Dovrebbe vergognarsi, semmai, chi si permette di giudicare in modo offensivo il prossimo.


L'immagine qui sopra è una scena di un massaggio hot, in cui la ragazza da massaggiare è ovviamente completamente nuda. Non ho visto il video con Belle. Comunque se vi piace il genere, potete vedere questo (ne potete trovare tanti su Dailymotion e altrove: ho citato quello perchè adoro la bellissima protagonista, Abigail Johnson).

Sul caso di Miriam Weeks alias Belle Knox ha scritto un articolo anche Patrick Seitz nel suo blog "Tech-media-tainment" che diverse volte ha ottimamente preso posizione contro le discriminazioni nei confronti di chi è stato nel mondo delle foto o dei film erotici. Patrick auspica (e ovviamente siamo d'accordo con lui) che aver fatto ora questa scelta non le causi dei fastidi in una futura professione (la ragazza ha detto che vorrebbe diventare avvocato). Come ha ben scritto Patrick: "One can only hope that people will be more accepting of porn actors and other sex workers in the future".

Nessun commento:

Posta un commento