venerdì 14 febbraio 2014

L'oro di Ireen batte anche l'omofobia

E' una vittoria doppia quella della pattinatrice olandese Ireen Wüst nei 3000 metri (la stessa gara in cui la russa Olga Graf ha regalato un simpatico siparietto abbassando la zip della tuta). E' una grande vittoria sportiva, ovviamente. Ma, viste le polemiche sull'omofobia in Russia che accompagnano queste Olimpiadi invernali, la medaglia d'oro ottenuta da un'atleta bisex con  è anche una vittoria simbolica dall'amore contro l'intolleranza.

Bella ragazza e grande campionessa (è il suo terzo oro olimpica), Ireen (qui il suo sito) è stata fidanzata con un'altra pattinatrice olandese, Sanne Van Kerkhof.




Nessun commento:

Posta un commento