sabato 4 maggio 2013

LFL: cambia il nome ma resta sexy

Il 30 marzo è partito il campionato 2013 della LFL. La lega ha mutato il nome da Lingerie Football League a Legends Football League. Leggendo il comunicato sul rebranding della LFL che diceva che sarebbero stati eliminati gli aspetti da lingerie, avevo temuto che la lega intendesse far giocare le atlete più coperte ma per fortuna non era così: le nuovi uniformi non hanno più i vezzosi laccetti, fiocchetti e giarrettiere, ma consistono ancora in bikini con reggiseno ben scollato. Un taglio meno frivolo e più sportivo, insomma, ma senza rinunciare a far ammirare i bellissimi corpi delle atlete.

Trovo che le nuove divise siano più adatte al contesto e anche più sexy: giarrettiere e fiocchi rischiavano di apparire un po' ridicoli sulle gladiatrici della LFL. C'è un solo possibile guaio (dico "possibile" perchè non sono sicura che sia colpa dele nuove divise: magari è un caso): nelle prime giornate non è mai capitato (a meno che non mi sia sfuggito ma su queste cose sono abbastanza attenta ;-) ...) che alcuna giocatrice si trovasse con gli slip tirati giù: che i nuovi slip siano più resistenti alle "wardrobe malfunctions"?

Era una simpatica tradizione che nella prima partita dell'anno ci fosse una giocatrice che si trovava con gli slip tirati giù da un'avversaria che cercava di fermarla. Nel 2009 era stata la volta della bellissima quarterback delle Chicago Bliss, Elle Cartabiano; nel 2010 la partita inaugurale ne aveva avute persino due, Ashley Salerno delle Los Angeles Temptation e Kam Warner delle Seattle Mist; nel 2011 esordio con slip giù per Anne Erler delle Green Bay Chill. Lo stesso per il campionato canadese del 2012: alla prima, wardrobe malfunction per Nikki Johnson delle Regina Rage.


 Alla terza partita di quest'anno (Atlanta Steam - Omaha Heart 42-6, del 13 aprile), comunque, una mezza wardrobe malfunction è capitata alla bella Brittany Morgan, quarterback delle Atlanta Steam, una squadra al primo campionato. In un placcaggio il reggiseno è stato un po' tirato verso l'alto, come mostrano le due foto sopra. Qui sotto vediamo Brittany durante un'intervista a fine partita: l'inquadratura laterale permette di dare un'occhiata molto gradevole alla scollatura della giocatrice.


 E ammirando lo splendido fisico di Brittany, si potrà provare una certa invidia nel vedere la compagna di squadra Jodie Nettles che, passando, le mette una mano su un fianco e poi l'altra sul sedere.



 La stessa Jodie è protagonista della foto qui sotto, nella quale un fortunato spettatore afferra il suo bel corpo. Non so se era il compagno o un amico o, magari, uno sconosciuto a cui la giocatrice ha regalato una bella emozione.


Sempre dalla stessa partita, una bella immagine del lato b di Cynthia Freeman.


Nella partita successiva (Chicago Bliss - Los Angeles Temptation 18-31, del 20 aprile), due touchdown con wardrobe malfunction. Nel secondo quarto, la quarterback delle Chicago Bliss Heather Furr entra in meta mentre Ogom Chijindu le afferra il reggiseno tirandolo giù.


Pochi minuti dopo è la collega Ashley Salerno a segnare e anche in questo caso un'avversaria, Kim Perez, le prende il reggiseno scostandolo. Purtroppo in entrambi i casi le inquadrature delle telecamere non ci permettono di vedere molto. Se avete foto che mostrano di più, comunicatecelo!


Nessun commento:

Posta un commento