martedì 30 aprile 2013

Le sette ministre

Dopo lunghe trattative, il 28 aprile si è insediato il nuovo governo. I ministri sono 21 di cui 7, un terzo esatto, sono donne.

Nunzia De Girolamo
ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali
(PDL)
Il gossip politico ricorda che l'alleanza PDL-PD lei l'aveva già realizzata... in casa: è infatti sposata con un deputato del PD.
Sicuramente garantirà all'Italia un posto in una classifica internazionale delle ministre più belle. Ci auguriamo che il suo apporto alla politica del paese sia pari alla sua avvenenza!

Josefa Idem
ministro alle pari opportunità, sport e politiche giovanili
(PD)
Tedesca di nascita, poi diventata italiana, è una campionissima del kayak, con una vittoria olimpica e cinque nei mondiali. Nello sport ha già dato tanto all'Italia e ora ha l'occasione di farlo anche in questa sua nuova carriera di ministro.

Cécile Kyenge
ministro dell'integrazione
(PD)
Medico oculista di origine congolese, è il primo ministro di colore della storia italiana. Un bel segno.

Emma Bonino
ministro degli affari esteri
(Radicali Italiani)
Personaggio storico della politica italiana. Da ricordare la sua lotta contro le mutilazioni genitali femminili, una vergogna contro la quale speriamo possa fare qualcosa di consistente nella sua nuova veste di ministro.

Anna Maria Cancellieri
ministro della giustizia
(indipendente)
Già ministro della giustizia nel precedente governo, le è stato confermato l'incarico da questo nuovo.

Maria Chiara Carrozza
ministro dell'istruzione, università e ricerca
(PD)
Docente presso la Scuola superiore di studi universitari e di perfezionamento Sant'Anna di Pisa. Ne è stata anche rettore per due mandati, dal 2007 al 2013. Pare avere tutte le carte in regola per fare bene.

Beatrice Lorenzin
ministro della salute
(PDL)
Bella donna, viene paragonata all'attrice americana Meg Ryan per l'aspetto. C'è stata qualche contestazione per il fatto che nel suo curriculum non c'è nulla di attinente alla sanità, ma auspichiamo che con i fatti sappia fugare presto questi timori.

Nessun commento:

Posta un commento