venerdì 31 agosto 2012

Liberate le Pussy Riot!

Le Pussy Riot sono un collettivo punk russo femminile e femminista che ha messo in atto varie performance di protesta. Una di queste le ha rese famose in tutto il mondo ma ha pure procurato a tre di loro grossi guai.

Il 21 febbraio scorso nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca hanno messo in scena una "preghiera punk" chiedendo alla Madonna di cacciare Putin dalla scena politica e definendo il patriarca Cirillo I più devoto a Putin che a Dio. Nonostante il passamontagna indossato come di consueto nelle loro performance, tre ragazze sono state identificate e arrestate. Nella foto sopra, dietro le sbarre, da sinistra sono Yekaterina Samutsevich, Nadezhda Tolokonnikova e Maria Alyokhina.

 Il loro caso ha fatto rumore e molte star della musica, e non solo, hanno chiesto la loro liberazione. Il processo però ha avuto luogo e le tre ragazze sono state condannate a due anni di carcere per vilipendio alla religione, imputazione piuttosto ipocrita perchè, al di là della scelta del luogo, la performance era di carattere politico e le tre non hanno offeso la religione ma, anzi, hanno invitato le autorità religiose a pensare più alla religione che a tenersi buono il discusso leader politico russo.


C'è da sperare che l'opinione pubblica internazionale faccia ripensare a questa sentenza ingiusta e che le tre ragazze vengano liberate. Certamente, se volevano farle tacere, hanno sbagliato del tutto tattica: l'arresto, il processo e l'iniqua condanna hanno viceversa fatto conoscere la loro performance in tutto il mondo ben più di quanto sarebbe avvenuto se le autorità non si fossero accanite contro le ragazze. Le tre Pussy Riot arrestate sono diventate delle celebrità internazionali tanto che per la Tolokonnikova (vedi foto qui sopra) pare ci sia persino un'offerta di posare per la copertina dell'edizione ucraina di Playboy. Speriamo che la cosa possa farsi al più presto perchè, senza sottovalutare lo spettacolo che sarebbe la bellissima Nadezhda in copertina, ciò significherebbe soprattutto che le tre sarebbero libere.

1 commento:

  1. Yes, free the Pussy Riot three. And Nadezhda Tolokonnikova should do Playboy for the money and publicity.

    RispondiElimina